© Getty Images

L'Italia come al solito viaggia a due velocità. A Milano si viaggia a 300 Megabit al secondo (in download, e 20 Mbps in upload) grazie a Vodafone negli edifici già raggiunti dalla banda larga.

Si tratta di almeno 300 mila abitazioni - il 40% della popolazione - che grazie a un nuovo modem router wi-fi (Vodafone Station Revolution) potranno viaggiare in rete a una velocità senza precedenti. E il piano è di raggiungere l'80% delle case meneghine (600 mila unità) entro dicembre 2015 al termine di un piano biennale di investimenti da 3,6 miliardi di euro per lo sviluppo della banda ultralarga fissa e mobile.

RITARDO ITALIANO. Ad agosto risultavano raggiunte dalla banda ultralarga quasi sei milioni di abitazioni in un centinaio di Comuni italiani con tecnologia Fttc (fibra fino agli armadi stradali) e oltre 2 milioni da Ftth (fibra fino alle case). La banda larga mobile (4G Lte) ha invece raggiunto il 60% della popolazione.

Vodafone lancia la sua offerta a 29 euro, Telecom Italia e Fastweb si preparano a rispondere. La rete dell'ex azienda di Stato - da 30 Megabit, 100 a Milano - coprirà il 70% della popolazione entro il 2015. Fastweb estenderà invece la sua Ngn (Next Generation Network) a 100 Megabit fino a coprire il 27% della popolazione pari a 7,5 milioni di famiglie (e imprese) in oltre 100 città.Nei piani dell’azienda, avranno accesso alla fibra Fttc circa 5,5 milioni di famiglie; altri 2 milioni saranno coperti dalla più performante Ftth.