L’annuncio è arrivato sabato sera. Dall’App Store di Apple sono state scaricate 10 miliardi di app, le applicazioni (gratuite e a pagamento) create apposta per iPod, iPhone e iPad. Si tratta di un vero e proprio record per il negozio virtuale di software della casa di Cupertino che ha vinto la sfida interna con il negozio di musica iTunes che aveva festeggiato il traguardo dei 10 miliardi di download lo scorso febbraio 2010, dopo sette anni di attività. Per l’App Store, invece, sono bastati poco più di due anni: nato nel luglio 2009, all’inizio vendeva soltanto software per iPhone, a oggi vende ‘app’ anche per iPod e iPad ed è diffuso in 90 Paesi con 350 mila applicazioni disponibili (di cui 60 mila per iPad).
Chi ha scaricato la diecimiliardesima App, un inglese del Kent, riceverà una carta iTunes, il negozio di musica e di cinema della Apple, del valore di 10 mila dollari. Per la prima volta da diversi mesi non è il numero uno della Apple, Steve Jobs, a rilasciare una dichiarazione, essendo in malattia per una durata indeterminata. Philip Schiller, vicepresidente senior per il marketing, ha detto che il successo dell'App Store «ha superato le nostre più rosee aspettative»
Per i possessori di un iPhone, le app sono diventate uno strumento praticamente indispensabile. Dai software gratuiti come Facebook (il più scaricato), le previsioni meteo e i Skype, ai giochini stile Pac-man, la vera miniera d’oro per gli sviluppatori di app.

Top Ten applicazioni a pagamento: Top Ten applicazioni gratuite
- Doodle Jump
- Tap Tap Revenge 3
- Pocket God
- Angry Birds
- Tap Tap Revenge 2.6
- Bejeweled 2 Blitz
- Traffic Rush
- Tap Tap Revenge Classic
- AppBox Pro Alarm
- Facebook
- Pandora
- Google Mobile App
- Shazam
- Movies by Flixster
- The Weather Channel
- Google Earth
- Bump
- Skype
- Paper Toss