Twitter conferma l’Irlanda capitale europea delle web company e dei social media. Dopo Google, Facebook, Zynga (e molti altri) anche il sito di micro blogging stabilisce a Dublino il proprio headquarters europeo. Ad anticiparlo un tweet dell’agenzia per gli investimenti interni irlandese: «L’Ida è felice che Twitter abbia scelto di stabilire un ufficio internazionale in Irlanda. Twitter rappresenta un’aggiunta fantastica al gruppo di aziende qui attive nel settore digitale e siamo pronti a sostenere la crescita della società».Un altro cinguettio, questa volta di Twitter, ha confermato la notizia. Quella di Dublino sarà dopo la terza sede internazionale del gruppo di San Francisco. Ancora nulla si sa circa la location scelta o il numero di nuove assunzioni che interesserà il progetto. Ma c’è di che sperare. Quando Google sbarcò nella capitale irlandese nel 2004 lo staff era composto da 200 membri che con il tempo sono cresciuti fino a superare le due mila unità. Sempre a Dublino gli uffici di Pay Pal contano oltre 1.300 dipendenti e sfiorano il migliaio quelli di eBay. A spingere questi colossi a stanziare la propria base europea in Irlanda un regime fiscale particolarmente favorevole. Sicuramente più vantaggioso di quello del Regno Unito dove David Cameron ha accolto con rammarico la decisione di Twitter di far di Dublino il proprio headquarters europeo, nonostante l’azienda sia già presente a Londra. Il primo ministro britannico aveva infatti fatto pressioni, insieme al sindaco di Londra Boris Johnson e il ministro delle Finanze George Osborne affinché il social network scegliesse come base proprio la capitale inglese che Cameron vorrebbe, al di là delle evidenze,diventasse la nuova Silicon Valley del Vecchio Continente.