Si chiude con la pace e un lungo contratto la disputa tra Amazon e Hachette, iniziata sul prezzo dei libri e e-book venduti dal colosso dell'e-commerce.

Non sono noti tutti i dettagli dell'intesa, ma sostanzialmente l'editore potrà decidere il prezzo di vendita dei volumi sul sito.

LE REAZIONI. «Questa è una grande notizia per gli scrittori». è il commento di Michael Pietsch, amministratore delegato di Hachette, «il nuovo accordo darà benefici agli autori del gruppo negli anni a venire. Dà ad Hachette enormi possibilità di marketing con uno dei nostri più importanti partner di vendita».

Soddisfatto anche David Naggar che da Amazon fa comunque intuire la volontà del gruppo di Jeff Bezos di mantenere i prezzi bassi: «Siamo felici di questo nuovo accordo visto che include incentivi finanziari specifici per Hachette per garantire prezzi bassi, che crediamo siano una vittoria per i lettori e gli autori»
LA LITE. Il braccio di ferro tra Amazon e l'editrice controllata dal gruppo francese Lagardere era iniziato a maggio sulla determinazione dei prezzi e la divisione dei ricavi. Erano stati coinvolti anche importanti autori e i più importanti agenti editoriali del mondo.

Il sito di e-commerce aveva a un certo punto deciso di boicottare gli autori Hachette, cancellando preordini e sconti sui volumi e rallentando le consegne.