Secondo la relazione annuale di Agcom, il settore delle comunicazioni ha totalizzato nel 2012 ricavi per 61 miliardi di euro, di cui il 62% dovuto alle telecomunicazioni, il 25% ai media (radio e Tv contano per 10 miliardi) e il 13% i servizi postali. In particolare, i ricavi della Tv free risultano pari a 4,85 miliardi di euro (5,5 miliardi nel 2011), quelli della Tv pay 3,36 miliardi (3,4 nel 2011).
Nel settore, NewsCorp./Sky risulta primo operatore con ricavi pari a 2,63 miliardi, seguito da Mediaset a 2,49 miliardi e Rai 2,34 miliardi di euro. Nel 2012 la Tv generalista ha totalizzato il 75% dell’audience (Rai al 40%, Mediaset al 35%). L’ascolto medio dei sei canali generalisti registra un calo, in parte compensato dalla crescita degli ascolti dei canali tematici. L’audience satellitare risulta stabile intorno al 12-13%. L’Authority rileva un lento, ma costante declino dei canali generalisti e un correlato consolidamento dei canali tematici, grazie anche alla diffusione del Dtt, indicazione di una fruizione sempre più personalizzata dei contenuti Tv. Circa l’85% della popolazione vede la Tv via Dtt, la restante parte utilizza la piattaforma satellitare (-1,1% rispetto al 2011).

LEGGI ANCHE - Un italiano su tre non usa Internet