Caffo acquisisce l'amaro Petrus

Il Gruppo Caffo 1915, noto produttore del Vecchio Amaro del Capo (e non solo) ha reso noto di aver acquisito lo storico marchio Petrus dalla multinazionale del beverage Diageo. Secondo quanto reso noto dall'azienda italiana in una nota, l'operazione «è parte di un più ampio progetto di crescita per linee esterne, diversificazione e di internazionalizzazione del gruppo». Di certo in questo modo Caffo diventa sempre più protagonista anche in Europa, visto che Petrus Boonekamp fa parte di una categoria di amari molto apprezzati in Germania e in generale in tutto il nord Europa.

Per il gruppo di Vibo Valentia, leader in Italia con il 32% di quota di vendita nel settore degli amari e un fatturato 2019 di 80 milioni di euro, si tratta della seconda acquisizione importante dopo quella di Borsci S. Marzano 1840. Anche grazie a questa new entry, ora Caffo mira a raggiungere i 100 miliondi di fatturato.

L'amaro Petrus Boonekamp, nato in Olanda nel 1777, è il più antico tra quelli tuttora in commercio e nell’ultimo secolo ha visto cambiare diverse volte la sua proprietà. Lanciato in Italia dalla Gio.Buton, azienda storica bolognese, è poi passato per un certo periodo al Gruppo Cinzano, fino ad approdare in Guinness con tutti i suoi marchi e, quindi, in Diageo con quest'ultima.