© European Union, 2011

Dopo Standard&Poor's anche il giudizio dell’agenzia di rating Moody’s si abbatte sull’Italia, declassato da Aa2 ad A2, con outlook negativo (i motivi del downgrade). Ma la valutazione delle agenzie non intacca il giudizio della Commissione europea che ha espresso, ed esprime tuttora, fiducia per gli sforzi intrapresi dal nostro Paese. “L'Italia è seriamente impegnata in forti e ambiziosi sforzi di consolidamento - ha dichiarato il portavoce del commissario agli Affari economici e monetari Olli Rehn – i pacchetti di misure fiscali di luglio e settembre vanno in questa direzione, permettendo così al paese di raggiungere il pareggio di bilancio nel 2013. Questo è il nostro rating dell'Italia e lo manteniamo”.