Janet Yellen, n.1 della Fed

La Fed è sempre più vicina al rialzo dei tassi a dicembre. E' quanto emerge dai verbali dell'ultima riunione del Fomc che racconta la ritrovata unità dei banchieri Usa a ottobre, che parlano di un parere unanime sull'aumento dei tassi di interesse prima della fine dell'anno, cioè nell'ultimo appuntamento prima di Natale, del 15-16 dicembre. «Le condizioni possono essere raggiunte entro la prossima riunione», dicono i membri dato che le difficoltà della Cina e delle altre economie emergenti presentano «rischi più equilibrati».

I dati sul mercato del lavoro e l'inflazione fanno pensare a un rialzo del costo del denaro, anche se i dati negativi sulla produzione industriale hanno riacceso le speranze di chi tifa affinché i tassi restino nella fascia dello 0-0,25% come da dicembre 2008, mentre l'ultimo rialzo risale addirittura al 2006.