Chiusura in netto rialzo per la Borsa di Milano, che archivia la giornata con una crescita dell’indice Ftse Mib pari all’1,06%; decisamente meglio di Parigi e Francoforte, che restano caute in attesa del vertice Ue sulla Grecia.
Piazza Affari, invece, beneficia dell’andamento legato soprattutto ad alcuni titoli, come Saipem, Pirelli ed Enel. La società controllata dall'Eni ha guadagnato il 3,9% grazie alla firma di una joint venture in Cina con PetroChina e alle ipotesi di un ritorno di interesse di Rosneft per la quota detenuta dal Cane a sei zampe che, a sua volta, ha guadagnato l'1,09%. Per quanto riguarda Enel (+3,34%), il mercato ha apprezzato i conti 2014 chiusi con un aumento della cedola a 0,14 euro e un indebitamento sotto le attese. Infine, Pirelli ha guadagnato il 3,26% spinta dalle voci di una possibile Opa sulla società. Debole Telecom (-0,18%) dopo i conti 2014 chiusi con un utile di 1,3 miliardi, leggermente sotto gli 1,4 miliardi attesi dal mercato

Sul mercato dei cambi, l'euro è stabile a 1,0632 dollari e 128,54 yen. Nuovo calo, infine, per il prezzo del petrolio: il future aprile sul Wti cede il 2,55% a 43,52 dollari al barile