Cresce la web economy su Wall Street: a una settimana dal debutto da record di LinkedIn, un’altra ‘società online’ sbarca ufficialmente sul listino americano. Si tratta di Yandex, il più popolare motore di ricerca russo che quotandosi ha raccolto 1,3 miliardi di dollari, il 19% in più rispetto alle attesa e segnando la più grande offerta pubblica di vendita per una società tecnologica negli Usa dopo Google nel 2004.
La società moscovita ha collocato sul mercato 52,2 milioni di azioni, pari ad una quota del 16,2%, ad un prezzo di 25 dollari per azione, in rialzo dal prezzo originale di 20-22 dollari, e dando al gruppo una valutazione di circa 8 miliardi di dollari, equivalente a quella di LinkedIn al momento del debutto al New York Stock Exchange. Il titolo Yndx ha guadagnato al debutto oltre il 40% volando a 35,11 dollari. Lanciato nel 1997 da due compagni di scuola: Arkady Volozh e Ilya Segalovich, Yandex è considerato senza ombra di dubbio il Google della Russia, controlla il 65% del mercato per quanto riguarda le ricerche e la navigazione in internet in lingua russa ed è presente anche in Ucraina, Bielorussia e Kazakistan.