Giuseppe Vegas

Giuseppe Vegas

I prestiti delle banche a società non finanziarie (leggasi ‘imprese’) sono in continua diminuzione, si parla di un -3% su base annua, di una contrazione più accentuata di quella del 2009, anno successivo alla crisi economica che, dagli Stati Uniti, è dilagata anche in Europa. Per questo, per rilanciare l’economia del Paese, rafforzare il mercato dei capitali e la competitività del sistema economico italiano, sono “indispensabili investitori esteri”. È quanto sottolineato dal presidente della Consob Giuseppe Vegas nel corso di un incontro tenutosi a Milano tra l’organo di vigilanza della Borsa e il mercato finanziario.
Nel suo intervento Vegas ha presentato un quadro della situazione italiana e di quanto sia diventato difficile, per le imprese, avere accesso al credito. “Per ritornare a crescere - ha spiegato – è necessario promuovere lo sviluppo di canali di intermediazione finanziaria alternativi a quello bancario. In particolare, è fondamentale puntare sullo sviluppo del mercato mobiliare”. Un invito a investire in Borsa, quindi, che sembra essere già stato colto dalle società italiane; in merito alle nuove quotazioni, infatti, Vegas ha dichiarato che “per il 2014 sono almeno dieci le società che hanno già manifestato l’intenzione di quotarsi sul mercato telematico azionario. Si tratta di dati incoraggianti che inducono a ritenere che l’attuale congiuntura economica possa essere valutata come una fase di svolta”.