L’indiscrezione era rimbalzata sulle colonne del quotidiano Les Echoes , secondo il quale Nokia nutriva un interesse per la rete mobile francese Alcatel. Oggi, è arrivata l’ufficialità. Con una nota, Nokia ha confermato di essere in trattative avanzate per una fusione con Alcatel Lucent: si tratterebbe di un’offerta pubblica di scambio, la cui finalizzazione al momento non è certa.

Stando alle ricostruzioni, ad attirare l’interesse della società finlandese sarebbe la divisione networks di Alcatel Lucent, in primis la divisione wireless. Questa, da sola, ha generato 4,7 miliardi di euro di fatturato nel 2014, coprendo il 36% del fatturato complessivo. L’obiettivo della fusione sarebbe quello di dare vita a un nuovo colosso in grado di fronteggiare i competitor Ericsson e Huawei.

Il deal, tra l’altro, gioverebbe a entrambe le società, reduci da pesanti tagli e ristrutturazioni: Alcatel Lucent ha recentemente licenziato 10 mila lavoratori e dato il via libera a dismissioni per 600 milioni di euro, mentre Nokia si è ritrovata costretta a vendere a Microsoft la divisione che produceva telefoni cellulari. Sull’accordo però peserà molto il giudizio del governo francese che dovrà dare il proprio via libera alla fusione. E il suo placet non è così scontato: Alcatel Lucent è una compagnia strategica per la Francia e altri tagli di personale non sarebbero graditi.