“Assenza delle condizioni per concludere in maniera ritiro integrale dell'Offerta Globale «in assenza delle condizioni per concludere in maniera soddisfacente la quotazione in Borsa di Sisal Group a seguito della sfavorevole situazione del mercato mobiliare domestico e internazionale”. Con questa motivazione il gruppo Sisal e Gaming Invest, d’intesa con le banche coordinatrici dell’Ipo di vendita e sottoscrizione – Deutsche Bank, London Branch e Ubs – hanno annunciato un passo indietro nelle operazioni di quotazione in Borsa.

Decisive, nella mancata Ipo, sarebbero state le turbolenze degli ultimi giorni sui mercati azionari; in primo luogo, il timore dimostrato recentemente dagli investitori istituzionali a investire sui mercati periferici. In una nota il gruppo Sisal ha confermato l’intenziona a perseguire i propri obiettivi di crescita, che prevedono la continuazione dell'azione di consolidamento all'interno della catena del valore del mercato dei giochi e il rafforzamento della propria posizione nel mercato dei pagamenti e servizi.