Giornata negativa a Piazza Affari tra l'attesa per il direttivo della Bce e il pessimismo con cui apre Wall Street.

Il Ftse Mib chiude a -0,98%, l'All Share a -0,78%. In difficoltà in particolare gli energetici con il riaccendersi degli scontri in Ucraina: Eni -1,38%, Saipem -4,1%, Enel -1,24%, A2A -0,38%, Snam -1,23% e Terna -0,9%.

Pesante anche il tonfo per Fiat (-2,55%), giù insieme col resto del settore (Exor -1,33%, Pirelli -1%).

Solo le banche evitano il tracollo: a parte Intesa (-0,33%), sorridono Unicredit (+0,72%), Mediobanca (+1,47%), Bpm (+1,09%), Banco popolare (+1,46%) e Bper (+0,08%).

Infine il lusso che torna a soffrire in alcuni titoli: Yoox -3,03%, Ferragamo -1,84% e Tod's -0,89%.