Solo tre anni fa, prima dell’operazione Antonveneta, poteva vantare oltre il 50% del capitale del Monte dei Paschi di Siena, oggi con appena il 5,5% delle azioni, non è più neanche il primo socio. È la Fondazione Mps, l’ente di Palazzo Sansedoni, che oggi annuncia di aver venduto un ulteriore 6,5% dell’omonima banca, l’istituto più antico del mondo. Gli acquirenti sono la Fintech Advisory (4,5%) e la Btg Pactual Europe (2%). Il prezzo fissato è pari a 0,2375 euro per azione. Con l’operazione la Fondazione, alla quale, secondo le stime Consob, rimarrebbe il 5,5% del capitale, perderebbe a favore di BlackRock (che detiene il 5,7% del capitale) il titolo di primo socio di Monte dei Paschi di Siena.

Negli ultimi mesi la Fondazione ha ceduto complessivamente il 27,9% del capitale per un incasso totale di circa 685 milioni di euro (i debiti erano 340 milioni).

L'INTRECCIO TRA FONDAZIONI BANCARIE E POLITCA