L’agenzia Moody’s è una delle ‘tre sorelle’ del rating. Americana, così come Standard&Poor's e Fitch, l’agenzia è stata fondata nel 1909 dal giornalista John Moody per offrire valutazioni agli investitori desiderosi di sfruttare il boom del trasporto ferroviario, ma ben presto si è allargata a tutto il mercato delle obbligazioni. Nel dopoguerra i suoi giudizi si sono allargati anche al debito sovrano. Dietro a Moody’s, che nel 2010 ha fatturato 2,03 miliardi di dollari (utile netto di oltre 507 milioni), c’è la holding Berkshire Hathaway del multimiliardario Warren Buffet (quota 12,47%). Ma l'agenzia è controllata anche dai grandi fondi di investimento americani Capital World Investors, Blackrock, State Street, Vanguard Group e TRowe Price Associates che possiedono rispettivamente il 12,3%, il 6,6%, il 3,3%, il 3,4% e il 5,6% di Moody's. Le altre quote sono controllate da Davis Selected Advisers (6,3%), Capital Reserch Global (3,7%) Valueact Holdings (3,6%), Executive manager (1,5%). Il restante 41,23% è costituito dal flottante.