© Getty Images

Potrebbe nascere a breve un super colosso dei libri italiani da 500 milioni di euro di ricavi: Mondadori ha sottoposto a Rcs la manifestazione d’interesse non vincolante per l’acquisto della Rizzoli Libri e di tutto il complesso di beni e attività che costituiscono l’ambito librario del gruppo.
Non si parla di cifre, ma la casa editrice di Segrate, controllata dalla Fininvest di Silvio Berlusconi e tornata in utile nel terzo trimestre, potrebbe offrire fino a 150 milioni di euro a Rcs, che potrebbe così evitare una seconda tranche di aumento di capitale per procedere con la ristrutturazione di un gruppo gravato dai debiti.

Da via Rizzoli il Cda si è riservato “ogni valutazione in merito”; pare che si attenda un ulteriore passo di Mondadori, più formale e vincolante, per decidere se dare o meno accesso ai numeri della divisione. Se l’operazione andasse in porto, Mondadori aggiungerebbe al suo portafoglio marchi come Rizzoli, Bombiani, Adelphi, Bur, Marsilio, Sonzogno e una buona fetta delle edizioni scolastiche italiane.