© Getty Images

È Ernest von Freyberg il nuovo presidente dello Ior, l’Istituto per le Opere di Religione conosciuto più comunemente come la banca del Vaticano. L’annuncio, che arriva a nove mesi dall’addio di Ettore Gotti Tedeschi dal vertice dello Ior, è stato dato dal direttore della stampa vaticana, padre Federico Lombardi.
Tedesco, nato il 26 ottobre del '58, von Freyberg è un avvocato con robusta formazione finanziaria, appartenente all'ordine dei Cavalieri di Malta. Laureato in legge all'università di Monaco e Bonn, il nuovo presidente dello Ior è stato selezionato dalla società Spencer & Stuart, specializzata nella selezione di alti dirigenti d’impresa, e votato all’unanimità dalla Commissione cardinalizia di vigilanza presieduta dal cardinale Tarcisio Bertone e dal board laico dell'Istituto.
“Si è trattato di un percorso di alcuni mesi, meticoloso e articolato – si spiega in una nota della sala stampa vaticana – che ha permesso di valutare numerosi profili di alto livello professionale e morale”. Papa Benedetto XVI, che ha seguito da vicino l’intero processo di selezione e di scelta del nuovo presidente del consiglio di sovrintendenza, “ha espresso il suo pieno consenso alla decisione della commissione cardinalizia”.
Membro attivo del Sovrano Ordine Militare di San Giovanni di Gerusalemme di Rodi e di Malta, Ernest von Freyberg è anche fondatore della Daiwa Corporate Advisory GmgH e chairman di Blohm-Voss. Padre Lombardi ha confermato che von Freyberg “lavorerà esclusivamente per lo Ior” ma “resterà chairman di Blohm-Voss e conserverà i compiti di volontariato per l'Ordine di Malta. L'attività fondamentale del gruppo Blohm-Voss è la trasformazione e la riparazione di navi da crociera e attività per l'industria che opera in alto mare, come pure la costruzione di yacht.
Von Freyberg è sposato e parla diverse lingue fra cui l'italiano; risiederà a Roma tre giorni alla settimana.