Manca ancora la firma, ma l’accordo è praticamente cosa fatta: la private equity Verlinvest proprietaria del colosso della birra AB Inbev, sarebbe pronta a entrare nel capitale dell’italiana Mutti Industrie. Stando a quanto riportato dal Corriere della Sera , la quota rilevata da Verlinvest sarebbe pari al 25%: l’operazione è seguita da Lazard e dai legali di Eversheds. L’intesa porterebbe numerosi vantaggi per la parmigiana Mutti, rilanciandone gli investimenti all’estero e aprendo le porte dei supermercati di tutto il mondo.

NON È LA PRIMA VOLTA. Già in passato Mutti aveva stretto un accordo con un partner straniero: si trattava dei fondiCrédit Agricole, che deteneva il 5% della società. La quota è stata però ripresa da Mutti l’anno scorso. Da qui, l’opportunità di trovare un altro finanziatore, che possa fare la differenza sul mercato estero.

I NUMERI DI MUTTI. Fondata nel 1899, Mutti è tra le realtà imprenditoriali più rilevanti di Parma e si appresta a chiudere il 2016 con un fatturato di 250 milioni di euro: 40 milioni in più rispetto al 2015.