Mattel e Hasbro avrebbero discusso di una possibile fusione. A riportare le indiscrezioni è Bloomberg riportando fonti vicine ai due colossi del mondo dei giocattoli. Sarebbe stata Hasbro, casa delle Hot Wheels, a intavolare il discorso con la casa di Barbie alla fine dello scorso anno e la questione è stata ripresa in diverse occasioni, anche se non ci sono certezze sull'esito della trattativa.

Il Ceo di Mattel, Chris Sinclair, sta combattendo la battaglia per rivitalizzare i conti dell'azienza (anche con le Barbie dal look totalmente nuovo) dopo che il gruppo californiano ha perso una grossa quota di mercato a favore di Lego. Allo stesso tempo, Hasbro sta provando a rilanciare il brand My Little Pony mentre attende i risultati finanziari dopo il lancio dei giocattori a licenza Star Wars: L'impero colpisce ancora e lo "scippo" del brand Frozen proprio alla Mattel.

Unendo la forza "al femminile" di Mattel con il dominio sul mercato per ragazzi di Hasbro, le compagnie unificate potrebbero contrastare la crescita della danese Lego che negli ultimi tempi è cresciuta più velocemente dei suoi rivali Usa (dove comunque le compagnie avrebbero solo un quarto del mercato e non rischierebbero dunque problemi con l'Antitrust). Ma già vent'anni fa, Mattel ritirò un'offerta da 5,2 miliardi di dollari per Hasbro denunciando il clima mediatico creato dal concorrente per resistere alla proposta.