Facebook © GettyImages

Un fondo da 40 milioni di dollari a indennizzo degli investitori che hanno subito perdite in occasione dell’offerta pubblica iniziale (Ipo) di Facebook. In questo modo il Nasdaq – l’indice dei principali titoli tecnologici della Borsa americana – chiede scusa al mondo della finanza dopo i problemi tecnici evidenziati nel primo giorno di scambi per le azioni del social network. Il consiglio di amministrazione del gruppo guidato dall’ad Robert Greifeld a quindi approvato un fondo volontario da 40 milioni; il Nasdaq distribuirà 13,7 milioni di dollari in contanti, mentre la quota restante dei rimborsi sarà distribuita tramite una riduzione dei costi degli scambi per chi ha registrato perdite.
Nel giorno del debutto di Facebook il Nasdaq era stato costretto a ritardare l'avvio degli scambi e poi ha incontrato difficoltà nel comunicare l'esecuzione di ordini ai trader. La decisione del Nasdaq, all’esame della Sec (la Consob americana) è stata criticata dal Nyse – l’altro indice americano – perché potrebbe indurre i clienti a spostare gli ordini sul Nasdaq per ricevere eventuali rimborsi.