Mario Draghi applaude i risultati del quantitative easing: «Si conferma la ripresa», dice il numero 1 della Bce. L'istituto centrale ha inoltre mantenuto i tassi allo 0,05% e ha annunciato a sorpresa l'innalzamento del tetto dei fondi Ela alle banche greche a 900 milioni. La notizia, insieme con il sì europeo allo sblocca degli aiuti alla Grecia dopo la ratifica del Parlamento di Atene alle riforme imposte dagli accordi con i creditori, favolare i listini. A Milano Il Ftse Mib chiude a +1,67%.

A Piazza Affari in evidenza i titoli delle banche e le Fca (+2,7%), che festeggiano gli ottimi dati sulle vendite realizzate a giugno in Europa e balzate del 18,1%. Bene anche le Atlantia (+3,5%) e le Autogrill (+4,4%), insieme con Telecom (+3,6%) e Mediaset (+3,25%). Quest'ultime sostenute da un giudizio favorevole di Credit Suisse. Sul fronte dei cambi, l'euro si e' indebolito a 1,0893 dollari (1,0957 ieri) dopo l'annuncio del rialzo dei tassi Usa entro fine anno. Il petrolio Wti recupera dello 0,21% a 51,28 dollari al barile.