Chiusura in calo per la Borsa di Milano, che archivia la seduta con una perdita dello 0,6%. Deboli anche le altre piazze finanziarie europee che, come Milano, hanno invertito la tendenza positiva nel pomeriggio, dopo i dati macro Usa: l’indice manifatturiero americano è sceso ai minimi del 2009, quando l’economia statunitense era in recessione.
A Milano, come riportato dall’agenzia Reuters , tengono i bancari Bper (+2,5%) e Popolare di Milano (+1,4%), le più gettonate in un mercato che attende qualche novità sul consolidamento. Lusso anche oggi ben comprato con Salvatore Ferragamo che sale dell'1%, Moncler +1,5% nel giorno dell'incontro con la comunità finanziaria nei nuovi uffici di Milano. In rialzo anche Tod's (+0,4%) e Yoox Net-A-Porter (+0,3%). Positiva Mediaset (+1%) tra i titoli del Ftse Mib maggiormente penalizzati nell'ultimo mese. Al contrario cedono alcuni titoli che hanno più guadagnato nell'ultimo mese come Cnh Industrial che oggi perde il 2%, Prysmian (-2,2%) e Tenaris (-3%). Fca cede l'1,4% in attesa dei dati sulle immatricolazioni di auto a novembre, mentre Telecom Italia perde quasi il 2%.