Nervosismo in Europa in attesa della Fed, con Milano che è la peggiore d'Europa. A Piazza Affari il Ftse Mib segna -0,98%. Pesano in particolare i dati di Enel (-3%) dopo la diffusione dell'aggiornamento al piano industriale che prevede, tra l'altro, l'integrazione di Enel Green Power (-3,4%). Vendite anche su Exor (-2,6%) e sulla moda con Tod's (-1,8%) e Ferragamo (-1,4% ai minimi da gennaio) che pagano un report in cui Credit Suisse evidenzia il momento difficile del settore.

Spicca invece il rimbalzo di Cnh (+3,6%), mentre resistono - grazie al rialzo del greggio (+0,5% a 40,85 dollari il Wti a New York) - Saipem (+0,7%), Tenaris (+0,3%) ed Eni (-0,07%). Sul resto del listino balza Soft Strategy (+10,5%) dopo l'annuncio di un'opa sulla societaà da parte dell'azionista di controllo Antonio Marchese. Sul fronte dei cambi, l'euro passa di mano a 1,064 dollari (in linea con la chiusura di ieri).