Zlatan Ibrahimovic © Getty Images

L'attaccante del Paris Saint Germain, Zlatan Ibrahimovic. La scorsa estate, insieme al compagno di squadra Thiago Silva, è stato protagonista di una delle più costose trattative del mercato 2012

Nuove regole per il calciomercato, per un maggiore equilibrio nel mondo del pallone. È la proposta avanzata dalla Commissione europea che punta a ridurre gli squilibri tra le grandi potenze del calcio e i piccoli club, ma anche a limitare gli investimenti finanziari nello sport da parte di società terze. Secondo un recente studio dell’istituto di ricerca belga Kea European Affairs, appena pubblicato dall’Unione e ripreso dall’agenzia Ansa , i trasferimenti nel calcio europeo sono più che triplicati nel periodo 1995-2011, mentre gli importi spesi dalle società per i trasferimenti sono aumentati di sette volte. In totale il calciomercato muove ogni anno tre miliardi di euro, che, però, girano solo tra i club più ricchi mentre meno del 2% arriva alle società più piccole che i giocatori li allevano.
Una situazione che, sottolinea l’Unione, ''esaspera gli squilibri'', mentre il livello di ridistribuzione del denaro, invece di compensare i costi della formazione dei giovani calciatori, è ''insufficiente a consentire'' ai club più piccoli di ''sottrarsi al controllo esclusivo che le società più grandi continuano a esercitare sulle competizioni sportive”.

LE PROPOSTE. I risultati dello studio saranno analizzati dal gruppo di esperti dell'Union europea sulla 'Buona governance nello sport' nella sua prossima riunione di aprile. Tra le proposte: una 'tassa di fair play' sui trasferimenti da ridistribuire ai piccoli club; trasparenza dei trasferimenti; tetto alle rose; regolamentazione dei prestiti; limitare le 'proprietà di terzi' per 'impedire in modo sproporzionato gli investimenti finanziari nello sport'; stringere le regole di 'fair play' per evitare l'eccessivo indebitamento.