© Getty Images

Una giornata nera, nerissima per i mercati europei, spaventati dai dati sulle vendite al dettaglio negli Stati Uniti (a settembre sotto le aspettative) alla situazione greca e all’allarme per l’epidemia di Ebola. Tutto questo si traduce in un crollo dei listini, in particolare a Milano l’indice Ftse Mib ha chiuso a -4,44%, con una raffica di sospensioni per eccesso di ribasso. A soffrire particolarmente gli istitudi di credito: Banco Popolare ha perso oltre l’8%, mentre la Popolare dell’Emilia Romagna, Montepaschi e la Popolare di Milano hanno registrato cali superiori al 7%. Male anche Mediaset (-6,67%).

Spread sopra i 165 punti. Le tensioni hanno fatto lievitare anche il differenziale tra i titoli di stato italiani e quelli tedeschi: ora lo spread tra Btp e Bund è pari a 165 punti, ma in giornata ha superato anche i 170 punti base.