Ritrovata euforia sul fronte M&A, dopo l'operazione tra Nokia e Alcatel-Lucent, e recupero dei prezzi del greggio. Sono questi, in base all’analisi di Reuters, i fattori che spingono in rialzo Piazza Affari, che ha archiviato la giornata con un +1,17%.
Tra i titoli in crescita spicca Cnh Industrial, che sale di oltre il 6%, dopo che il presidente Sergio Marchionne ha dichiarato che il gruppo guarda a opportunità di crescita nel settore delle macchine agricole. Generalmente positive le banche: su Mps gioca a favore l'annuncio della cessione a Poste Italiane della quota in Anima che porta una plusvalenza di 115 milioni di euro. La crescita del prezzo del petrolio spinge titoli come Saipem e Tenaris.
Debole, invece, Mediaset dopo le indicazioni di Nielsen sugli investimenti pubblicitari che, in rielaborazioni di stampa e analisti, mostrano un calo implicito del 2,8% per febbraio.

Spread Btp-Bund. Lo spread tra Btp italiani e Bund tedeschi ha raggiunto il livello di 114 punti base, lo stesso valore della chiusura di martedì 14 aprile e in pari con il differenziale tra i Bonos spagnoli e Bund. Scende il rendimento, che passa dall’1,28% di ieri all’1,25%.