Palazzo Mezzanotte, sede di Borsa Italiana

All'inizio di una settimana delicata tra le elezioni inglesi e i dati sul lavoro Usa, le Borse europee aprono contrastate. Ad appesantire il quadro, oltre alla situazione greca, c'è l'indice manifatturiero cinese elaborato da Hsbc per aprile che viene rivisto al ribasso nella seconda lettura da 49,2 a 48,9 punti, Parigi cede lo 0,18% mentre Francoforte recupera lo 0,4% e a Milano l'Ftse Mib segna -0,14%.

A Piazza Affari, acquisti su Tenaris (+1,8%) dopo la trimestrale diffusa venerdì e su Moncler (+1,2%). Recupera terreno Fca (+0,7%) mentre Generali (+0,7%) si mantiene forte dopo le indicazioni sul dividendo in crescita date in assemblea dal numero uno, Mario Greco. Sul resto del listino spicca il +3% di Brembo dopo la notizia dell'interesse per la società della cinese Weichai (anche se il patron Alberto Bombassei ha dichiarato che non procederà ad alcuna cessione)

In coda al listino, invece, si conferma St (-2,1%) con Buzzi che lascia sul terreno l'1,6%. . Sul mercato valutario, l'euro vale 1,1117 dollari (1,185 la chiusura di giovedì sera), mentre il petrolio apre in rosso con il barile di Wti consegna giugno che cede 27 centesimi a 58,88 dollari al barile.

TUTTE LE NEWS DA PIAZZA AFFARI