Agosto 2015 da dimenticare per il mercato finanziario italiano. Al termine delle contrattazioni di lunedì 31 agosto l’indice Ftse Mib della Borsa di Milano segna una perdita pari allo 0,24% (AllShare -0,20%) ma è il bilancio di agosto a lasciare il segno: -7%. Una perdita dovuta soprattutto alla tensione sui mercati internazionali per l’economia cinese e le prospettive di un prossimo rialzo dei tassi di interesse negli Stati Uniti (un trend che ha penalizzato anche le altre Borse europee).

La giornata. Tra i titoli in luce oggi si segnalano gli energetici Saipem (+2,45%), ed Eni +1,53%); quest’ultimo in rialzo anche grazie alla scoperta di un maxi-giacimento di gas in Egitto. In calo Salvatore Ferragamo e Telecom Italia. Sul fronte dei cambi, la moneta unica recupera lievemente a 1,1205 dollari e 135,85 yen. Il petrolio infine inverte la rotta e a New York il Wti sale dello 0,31% a 45,36 dollari al barile.