La minaccia greca affonda le Borse: la paura che Tsipras non rispetti i patti con l'Fmi affossa le Borse europee, ma non Londra chiusa per festività (come Wall Street). Non aiuta nemmeno il record raggiungo da Tokyo dopo 15 ani sulla scia del calo dello yen. COsì a Parigi il Cac 40 cede lo 0,36% mentre a Milano il Ftse Mib lascia sul terreno l'1,33% e il Ftse all Share l'1,37%.

A Piazza Affari non riesce a fare prezzo Mps nel giorno dell'avvio dell'aumento di capitale da 3 miliardi: +19% teorico. Male tutte le banche: -1,7% Intesa Sanpaolo e -2,2% Unicredit. Crolla anche UnipolSai che cede l'1,6% nel giorno in cui conferma l'acquisto di Una Hotels. Giuà pure Fca che lascia sul terreno il 2,8%.

Sul fronte dei cambi: l'euro ha toccato un minimo in avvio di scambi a 1,0976 dollari, il petrolio Wti (scadenza luglio) segna +0,25% a 59,87 dollari al barile.