Prendono fiato le Borse europee dopo la brillante seduta di ieri: Milano perde qualcosa in apertura mentre Atene tiene tutti col fiato sospeso.

Corrono però ancora i bancari: Mps guida il paniere (+2,6%) aspettando il via libera della Bce al piano di rafforzamento del capitale. Bene anche le popolari (+1,5% Bpm, +1,4% Bper, +1,1% Banco Popolare).

Soffre invece il settore petrolifero: -0,8% Eni e -1,2% Saipem. Cala pure Tenaris (-1,8%) per l'outlook 2015 debole.

Fuori dal Ftse Mib, protagonista di giornata è Rcs Mediagroup (+4,4%) dopo la conferma che Mondadori (+1,5%) ha presentato un'offerta non vincolante per la divisione Libri del gruppo Rizzoli.

Sospesa Telecom Italia Media in attesa di un comunicato sul'ipotesi di delisting.

Sul fronte valutario, l'euro torna sopra quota 1,14 dollari: il cambio segna 1,1423 dollari per un euro dagli 1,1398 di ieri sera. Giù di oltre il 3% il contratto aprile del petrolio Wti: 51,05 (-3,3%) dollari al barile