Il crollo di Shanghai (-8,5%) si riverbera sulle Borse europee e anche su Wall Street che sospende le trattative Per tutte le piazze continentali crolli tra il 5% e il 6% in particolare nei settori minerari, l'energia e le utility. Molte le commodity ai minimi da oltre sei anni (rame, nickel, alluminio)

Piazza Affari maglia nera nell'eurozona con il Ftse Mib che arretra del 5,96% a 20.450 punti, minimi da metà febbraio. Il tonfo di Tenaris (-9,6%) ed Eni (-7,98%), le piu' penalizzate del Ftse Mib, è l'indicatore di un'altra giornata ad alta tensione per il comparto petrolifero visto che il greggio a New York si attesta a 38,75 dollari al barile (-4,2%). Fiat Chrysler giù del 7,7%

Sul mercato valutario, balzo dell'euro che torna ai massimi da gennaio nei confronti del dollaro: il cambio segna 1,1586 in chiusura dopo aver toccato anche 1,17 (1,1386 venerdì).