Con Wall Street chiusa e Tokyo incerta, le Borse europee vivono una giornata di realizzi. In pareggio solo Francoforte, male Lisbona (-3%) per le difficoltà nella formazione del governo. A Piazza Affari invece le contrattazioni si chiudono a -0,75%. Sul listino milanese le vendite si sono concentrate su Finmeccanica (-3,78%) sulle indiscrezioni che la Commissione Ue avrebbe avviato un'indagine sui fornitori di componenti per gli aerei che costringerebbero le compagnie a firmare onerosi contratti di manutenzione. Male anche Mediaset (-3,34%) uscita dalla lista dei titoli preferiti di Goldman Sachs. Bene, invece, Ubi (+1,49%) dopo che l'assemblea di sabato ha sancito la trasformazione dell'istituto popolare in società per azioni. Acquisti anche su Fca (+0,87%) e Exor (+0,5%) che approfittano dell'avvio dell'Ipo Ferrari.

Petrolio in calo del 2,17% a 49,05 dollari. Sul mercato valutario l'euro conferma il rafforzamento sulla moneta americana: il cambio si attesta a 1,1362 da 1,1359 di venerdì.