Tra Grecia ed Europa manca ancora un accordo sul piano di rientro del debito di Atene, ma questo non spaventa la Borsa. I principali mercati europei che registrano tutti segnali positivi in apertura di contrattazione: Parigi +0,62%, Francoforte +0,3%, Londra +0,23%.
Piazza Affari registra il progresso migliore: nei primi scambi l’indice Ftse Mib segna un +0,93%, portata in rialzo dai titoli bancari – bene Popolare Emilia Romagna (+2,72%), Popolare Milano (+1,88) e Mps (+2,44%) – e da Eni, che registra un +3,4% dopo la presentazione dei conti 2014; bene anche Saipem (+1,97%) nonostante il prezzo del greggio (wti) limi dello 0,3% attestandosi a 53,39 dollari al barile. Tra i cali più significativi Pirelli, A2a e Campari, tutti compresi tra il -1% e il -0,5%.
Sul fronte dei cambi l'euro passa di mano a 1,1385 dollari (ieri 1,14) e 135,68 yen (135,66), mentre il dollaro-yen è pari a 119,1 (119,02).