Nuova seduta difficile per le Borse europee. Le preoccupazioni sulla Grecia bruciano il rimbalzo mattutino (-0,8% la borsa di Atene oggi) e l'inflazione cinese al ribasso dà il colpo di grazia. Milano chiude dunque le contrattazioni in calo dello 0,89%.

Male i bancari, fatta eccezione per Mps (+0,09%). Giornata pesante per Fca che accusa un tonfo del 6,46% nell'attesa del prezzo del bond convertendo da 2,5 miliardi e nel giorno in cui è circolata l'indiscrezione sul possibile trasferimento in Gran Bretagna della sede legale della Ferrari.

Sono inoltre precipitate del 5,2% le Saipem, proprio mentre il petrolio affonda del 4,7% a 60,88 dollari al barile, ai minimi dal 2009.

Bene Yoox (+3%) e Prysmian (+2,8%). Sul fronte dei cambi l'euro tratta a 1,2417 dollari (1,2422 ieri).