© Getty Images

Nel giorno delle voci sulle dimissioni del ministro greco Varoufakis, subito smentite da Atene che lunedì presenterà la lista completa delle riforme all'Eurogruppo, Il Ftse Mib chiude a +0,37% dopo una seduta vissuta a lungo attorno tra alti e bassi per le tante questioni geopolitiche aperte.

A Piazza Affari in evidenza Fca (+1%), andamento contrastato le azioni delle banche: se Ubi ha perso l'1,68%, Bper è invece salita dell'1,7%. Pirelli (-0,2%) ha continuato a navigare sopra il prezzo dell'opa che verrà lanciata a 15 euro da ChemChina. Vola invece il lusso: realizzi solo su Ferragamo (-0,5%).

Dopo lo stop della Consob all'opas di Ei Towers (-1%), Rai Way perde lo 0,94%. Mediaset invece archivia un +0,43%.

Sul fronte dei cambi l'euro passa di mano a 1,0897 dollari (1,0970 ieri). Il petrolio (Wti) torna sotto quota 50 dollari al barile: perde il 2,9% attestandosi a 49,94 dollari al barile.