L'ingresso di Borsa Italiana © Stefano Petroni

Sarà un 2016 molto interessante sul fronte delle quotazioni in Borsa a Milano. Secondo l’amministratore delegato di Borsa Italiana, Raffaele Jerusalmi, il prossimo anno saranno 35-40 le aziende che avvieranno la quotazione, sia sull’Mta che sull’Aim. “Numerose aziende hanno iniziato il percorso di ipo, quindi l'anno prossimo dovrebbe essere migliore del 2015”, ha affermato il manager a margine della presentazione delle nuove società che hanno fatto il loro ingresso nel programma Elite. A oggi sono 24 le ipo registrate in Borsa Italiana da inizio 2015, l’ultima operazione è stata quella di Poste Italiane, avvenuta pochi giorni fa. Entro fine anno dovrebbero arrivare a Piazza Affari altre aziende sull'Aim e in più sull'Mta Ibl, OpenJobs e la Siiq di Manfredi Catella, Coima Res. Inoltre debutterà sul listino milanese Banca Mediolanum, dopo la fusione con Mediolanum. A inizio 2016 sarà la volta di Veneto Banca. Sull'arrivo di Ferrari a Piazza Affari, Jerusalmi ha dichiarato: "Spero che arrivi. Noi siamo pronti". Il Ceo di Borsa Italiana ha parlato, inoltre, di un possibile debutto anche delle big della moda, Valentino e Versace. "Dalle loro dichiarazioni – ha spiegato -– credo che si quoteranno tra fine 2016 e inizio 2017".