Nonostante l’instabilità causata dalla crisi greca e dal crollo della Borsa cinese – -32% in tre settimane, 2.500 miliardi di euro bruciati – la Borsa di Milano resta in territorio positivo dopo la chiusura di mercoledì a +2,54%. In apertura l’indice Ftse Mib di Piazza Affari apre a +0,27%, a 21.570 punti; in linea Londra, Francoforte e Parigi.
Tra i titoli a maggior capitalizzazione registra buoni risultati Banca Popolare di Milano (+1,41%), Stmicroelectronics (+1,43%) e Mediaset (+1,41%); pesante, invece, il calo di Saipem (-6%): dopo il recupero nella giornata di ieri, il titolo petrolifero viene penalizzato dall’annuncio di Gazprom, che ha cancellato un contratto con Saipem per la costruzione della prima linea di un gasdotto lungo il Mar Nero dopo aver incontrato una serie di difficoltà riguardanti il progetto Turkish Stream.
Lo spread tra Btp e Bund apre in calo a 149,6 punti dai 154 punti della chiusura di ieri con un rendimento al 2,18%.