Dopo le prime contrattazioni l’indice Ftse Mib della Borsa di Milano registra una crescita dello 0,3% (stessa crescita per l’AllShare), performando un po’ meglio delle altre piazze finanziarie europee.
In una giornata in cui i mercati del Vecchio Continente attendono ancora notizie sull'esito del voto parlamentare in Grecia sul piano di bailout, a brillare a Piazza Affari è soprattutto il settore energetico e quello finanziario. Saipem registra i rialzi migliori all’interno dell’indice Ftse Mib (+2% per il titolo energetico), seguita da Mediolanum, in rialzo dopo un’ondata di vendite che ha colpito il risparmio gestito. Tra i titoli a maggior capitalizzazioni in crescita da segnalare anche le performance di Finmeccanica (+1,16%) e A2a (+1,14%); anche il settore bancario registra buone performance: bene la Pop Milano e Intesa Sanpaolo. In calo Yoox, Campari e, soprattutto, Prysmian.

Spread Btp-Bund. Il differenziale tra il decennale benchmark italiano (Isin IT0005090318) e il pari scadenza tedesco si attesta a 123 punti, uno in meno rispetto alla chiusura di ieri. Il rendimento è sceso al 2,06% dal 2,08%.