Apertura fiacca per la Borsa di Milano, soprattutto in linea con le altre piazze finanziarie europee. Milano apre sottotono (-0,17%, ma in recupero) pagando il rosso delle utility e di alcuni bancari; rialzi, invece per Francoforte, Madrid e Lisbona (+0,6% circa) e Parigi (+0,3%).
L’indice Ftse Mib di Borsa Italiana è caratterizzato soprattutto dalle vendite del titolo Autogrill (-1,5%), penalizzata dal taglio del giudizio degli analisti di Jp Morgan e dal rimbalzo di Stmicroelectronics (+1,1%) dopo il ribasso di ieri. Tra i bancari, Mps apre bene (+0,8%), ma torna in rosso dopo un’ora di contrattazione; parte ancora in rialzo Telecom Italia (+0,35%). La crisi greca sfavorisce la moneta del Vecchio continente, l’euro si scambia a 1,1322 dollari da 1,1371. Petrolio a 60,35 dollari al barile.

Spread Btp-Bund. Il differenziale di rendimento tra il decennale benchmark italiano (Isin IT0005090318) e il pari scadenza tedesco apre a quota 154 punti base dai 148 di ieri sera. Il rendimento dei decennali italiani sale al 2,31% contro il 2,28% dell'ultima chiusura.