Torna il segno più in Borsa Italiana. Dopo una giornata in cui l’effetto cedole ha portato il Ftse Mib a -1,17%, il principale indice della Borsa di Milano nelle prime contrattazioni recupera ben un punto percentuale. A livello internazionale si registrano i guadagni dell’azionario Usa e asiatico, un effetto positivo per le Borse di tutto il mondo, ma anche i timori sul debito della grecia. A Piazza Affari il titolo a maggior capitalizzazione in evidenza è Fiat Chrysler, che guadagna circa il 2% dopo i dati sulle immatricolazioni auto in aprile: per la quarta volta consecutiva il gruppo ha performato meglio del mercato. Bene anche Mediaset (+1,8%) e i bancari, spinti dalle attese di un piano del governo sul tema delle sofferenze. In ribasso si segnala solo Atlantia, che perde in apertura circa l'1% dopo che JP Morgan ha tagliato il rating a "neutral", riducendo il target price a 26 euro.

Btp-Bund. Lo spread tra il titolo decennale italiano Btp e l’equivalente tedesco Bund è indicato a 123 punti base da 127 ieri in chiusura, mentre il dieci anni giugno 2025 paga 1,816% da 1,907%.