Nella giornata in cui Mario Draghi interviene sulla politica monetaria dell’Unione europea – migliora l’indice dei prezzi al consumo, ma resta il tasto dolente di una ripresa che ha perso slancio – la Borsa di Milano resta in territorio positivo. A fine giornata l’indice Ftse Mib di Piazza Affari registra una crescita contenuta pari allo 0,14% (0,18% per l’indice Ftse All Share), mentre le altre piazze europee (che avevano deluso martedì 2 giugno) crescono a ritmi più sostenuti: Londra +0,3%, Parigi +0,36% e Francoforte +0,8%.
In Borsa Italiana si registrano segnali positivi dalle banche: l'indice di settore sale dello 0,7%, sostanzialmente in linea con il comparto europeo; bene in particolare Unicredit, +1,3%, e Intesa Sanpaolo, +0,5%, mentre Banco Popolare cede l'1,3%. Tra i titoli a maggior capitalizzazione cresce Mediaset, che guida i rialzi con un +2,25%, mentre Salvatore Ferragamo delude con un -2%.