La Bce vara il quantitative easing e fa volare le Borse europee. L'indice Ftse Mib chiude in rialzo del 2,44%, sopra quota 20.000 punti per la prima volta dall'8 dicembre.

Brillante tutto il settore bancario e ancor di più le popolari per la riforma in vista: Ubi sale di oltre il 2%, Bpm di oltre il 3%, Bper di oltre il 4%. Bene anche Mps e Carige (+2,4%).

In evidenza Saipem dopo le parole del governatore della banca centrale cinese sugli acquisti di titoli italiani e dei progetti di Gazprom.

Nel lusso prevalgono invece le vendite, con Ferragamo dopo il taglio del rating da parte di SocGen, ma anche Yoox e Tod's.

Euro sotto quota 1,15 dollari, mentre subito dopo l'annuncio di Draghi lo spread aveva toccato quota 101 (minimo da luglio 2010), per poi risalire a 117 punti base.