Ancora tensione sui mercati europei, spaventati dalla situazione greca e dai dati macroeconomici della Cina. In apertura Milano cede lo 0,72%, mentre Parigi lo 0,74% e Francoforte lo 0,96%

A Piazza Affari sono deboli le azioni delle banche fatta eccezione per le Mps, che salgono di mezzo punto percentuale, e le Ubi (+1%).

Sorrisi anche per Finmeccanica (+2%) dopo che la controllata Alenia ha conquistato una supercommessa.

In negativo invece ci sono Telecom Italia, che arretra dello 0,95% per i dubbi sulla strategia brasiliana, ed Eni: -1,25% per il gruppo energetico. Tutta colpa del petrolio che scivola sotto quota 60 dollari (59,39 al barile).

Sul fronte dei cambi l'euro si attesta a 1,24048 dollari (1,2384 dollari ieri).