Sale a 16 il numero delle banche statunitensi che hanno chiuso i battenti dall’inizio del 2010 con il fallimento in un solo giorno, il 29 gennaio scorso, della First Regional Bank di Los Angeles, della Florida community bank di Immokalee, della First national bank di Carrollton, dell’American marine bank, della Marshall bank e della Community bank and trust di Cornelia. La chiusura della 1st American state bank of Minnesota a febbraio porta il bilancio a 17. Lo scorso anno sono stati dichiarati falliti dall’Agenzia federale di supervisione sui depositi (Fdic) 140 istituti di credito, nel 2008 25 e tre nel 2007. Secondo la Fdic il costo complessivo dei crack continuerà ad aumentare nei prossimi tre anni e raggiungerà i 100 miliardi di dollari nel quinquennio 2009-2013.