© Getty Images

«È arrivata. È positiva». Con queste parole l'a.d. di Alitalia Gabriele Del Torchio ha annunciato al termine del consiglio di amministrazione della compagnia il matrimonio con Etihad.

Il tanto atteso accordo con il gigante di Abu Dhabi sembra dunque essere arrivato dopo giorni intensi di trattative, pressing e lettere, il referendum fallito tra i lavoratori e le esitazioni di Poste.

«Sono contento», ha aggiunto Del Torchio, «ora dobbiamo fare degli approfondimenti». L’avviso di Del Torchio è arrivato mentre la compagnia approvava l’aumento di capitale da 300 milioni, 50 in più rispetto ai 250 milioni già varati dall’assemblea della settimana scorsa».

La compagnia ha aperto le procedure di mobilità per 2.171 dipendenti dell'ex compagnia di bandiera e dell'AirOne, come previsto dall'accordo per 2.251 esuberi. Gli altri 80 addetti hanno infatti già cessato il rapporto di lavoro: si tratta di 1.590 addetti di terra, 126 piloti e 420 assistenti di volo a cui bisogna aggiungere i 35 dipendenti di terra di AirOne.