Regna la cautela in Europa nel giorno in cui la Banca centrale europea dovrebbe introdurre novità sul programma di quantitative easing per sostenere l’economia del Vecchio Continente. Questo non impedisce alla maggior parte dei mercati di mantenere il segno più. In rialzo la Borsa di Milano, il cui indice Ftse Mib segna un +0,15% in apertura, meglio di Francoforte (+0,11%) e Londra (-0,14%), meno di Parigi (+0,27%).
Tra i titoli a maggior capitalizzazione si mantiene in territorio positivo Yoox-Net-a-Porter (+1,43%), che continua a beneficiare delle vendite dello scorso week end; male, invece, i petroliferi con Saipem che cede l'1,11% e Tenaris lo 0,75% mentre Eni limita le perdite a -0,33%.
Sul mercato valutario l'euro continua a soffrire la forza del dollaro e viene scambiata a 1,0588 dollari (da 1,0577 ieri in chiusura) e 130,66 yen (130,55 yen). Rimbalza il petrolio dopo essere sceso ieri sotto i 40 dollari al barile, per la prima volta dal 26 agosto: i contratti sul Wti in consegna a gennaio sono in rialzo dello 0,78% a 40,25 dollari al barile.