Apertura in netto rialzo per la Borsa di Milano, che torna a segno più dopo un lunedì negativo all’indomani degli attacchi terroristici di Parigi. Nei primi minuti di contrattazione l’indice Ftse Mib di Piazza Affari sergna un rialzo dell’1,03%, praticamente in linea con il Ftseurofirst300, che sale dell’1,07%. A guidare il listino principale di Borsa Italiana è Finmeccanica, che sale del 2,3% in apertura; bene anche i petroliferi con Eni (+1,8%), Saipem (+1,7%) e Tenaris (+2%) grazie al petrolio che, dopo il recupero di ieri sera a Wall Street, in Asia consolida le posizioni (Wti in rialzo di 6 centesimi a 41,80 dollari al barile). Positiva anche Fiat (+1,7%) sulla scia dei dati delle immatricolazioni in Europa a ottobre con il gruppo che segna +7,7%. A perdere terreno soprattutto Mediaset (-1,97%) e Bper (-0,21%). Sul fronte dei cambi, la moneta unica cala ancora sul dollaro e scende a 1,064 (da 1,0709 dollari di ieri sera).

Spread Btp-Bund. Apertura di giornata in leggero rialzo per lo spread tra Btp e Bund. Il differenziale di rendimento tra il decennale benchmark italiano (Isin IT0005127086) e il pari scadenza tedesco si attesta in avvio di seduta a 105 punti base, rispetto ai 104 di ieri. Stabile il rendimento dei Btp, fermo a quota 1,58%.