Non è escluso un ingresso nel capitale azionario del club, caldeggiato dalla proprietà per portare avanti la realizzazione del nuovo stadio e rendere competitiva la squadra in campionato, ma il Milan resterà di proprietà della famiglia Silvio Berlusconi. È quanto si sottolinea in una nota del gruppo Fininvest, che controlla l’intero pacchetto della società di Serie A. La nuova smentita arriva in seguito a un'indiscrezione riportata questa mattina dalla Gazzetta dello Sport secondo cui da Singapore il magnate Peter Lim avrebbe presentato un'offerta di 500 milioni di euro per assumere il controllo del club rossonero.