© GettyImages

Il decreto Sviluppo è legge. Per la seconda volta il governo richiede la fiducia sul provvedimento già approvato alla Camera lo scorso 21 giugno. Con 162 sì, 134 no e un astenuto. Il provvedimento viene convertito in legge e apporta novità definitive su provvedimenti a lungo contestati come l’istituzione del Sistri, che non partirà prima di giugno 2012, e la privatizzazione delle spiagge. Confermato il bonus assunzioni al Sud, esteso anche alle quote rosa, e lo stop all’anatocismo (il calcolo degli interessi sugli interessi in campo fiscale). Vengono allentate le cosiddette ‘ganasce fiscali’ e arrivano forti semplificazioni nel campo delle opere pubbliche. Ecco le misure principali della nuova legge:

Accertamento - Si passa da 120 a 180 giorni per la sospensione dell'accertamento esecutivo. Gli importi iscritti a ruolo vengono ridotti dalla metà a un terzo. Salta la stretta sui giudici tributari.
Ganasce fiscali - Prima di intraprendere azioni cautelari, con debiti inferiori a 2000, l'amministrazione dovrà inviare due solleciti di pagamento a distanza di sei mesi.
Ipoteche - Non si potrà iscrivere ipoteca sulla prima casa per debiti inferiori a 20.000 euro. Lo stesso tetto vale per gli espropri.
Stop a riscossione per Comuni - Dal 2012 non sarà più Equitalia a riscuotere per i Comuni che dovranno organizzare un loro servizio.
Interessi su interessi - Stop al calcolo degli interessi sugli interessi (anatocismo) in campo fiscale. - paletti a controlli - Il controllo amministrativo in forma d'accesso da parte di qualsiasi autorità deve essere unificato, può essere operato al massimo con cadenza semestrale, non può durare più di quindici giorni. Stop alla comunicazione sopra spese di 3000 euro se si paga con il bancomat.
Mutui da variabili a fissi e tasso usura - Le famiglie a basso reddito potranno passare dal mutuo a tasso variabile a quello fisso. L'importo viene elevato a 200.000 euro. Cambia la modalità di calcolo del tasso di usura.
Piano casa - Si introduce tra l'altro il meccanismo del 'silenzio-assenso’ per il rilascio del permesso di costruire, a eccezione dei casi in cui sussistano vincoli. Vengono superati eventuali vincoli regionali.
Bonus assunzioni al Sud - Viene introdotto un credito d'imposta per ogni lavoratore assunto nel Mezzogiorno a tempo indeterminato. La misura è estesa anche alle 'quote rosa’. Si punta a 42.300 posti in più.
Credito imposta per ricerca - Viene istituito, per il 2011 e 2012, il credito di imposta per le imprese che finanziano progetti di ricerca, in Università o in enti pubblici. Gli investimenti dovrebbero crescere di 550 milioni.
Scuola e fondo merito - Per i precari della scuola sarà riconosciuta una valutazione del servizio prestato presso sedi considerate in zona disagiata. È istituita la Fondazione per il Merito per borse di studio. Nuove graduatorie ogni 3 anni.
Arriva autorità acqua - Si chiamerà Agenzia per la regolazione e la vigilanza in materia di acqua. Costerà un milione a regime. Ma già i tagli ai costi della politica la coinvolgono.
No spiagge ai privati, sì a distretti turistici - Salta la norma sul diritto di superficie sulle spiagge. Partono, invece, i Distretti turistici. Saranno zone a 'burocrazia zero’.
Super yacht - Sarà più facile noleggiarli. Semplificazioni in arrivo per realizzare nuovi approdi.
Stop a ius variandi banche - Si tratta della possibilità per gli istituti di modificare unilateralmente le condizioni contrattuali, soprattutto alle Pmi.
Taglio burocrazia - Arrivano semplificazioni sia sul fronte privacy che su quello controlli con un risparmio stimato in 900 milioni. Si prevede anche la possibilità di effettuare pagamenti 'on line’ con le Asl.
Opere pubbliche - Forti semplificazioni in arrivo. Si alza, tra l'altro, la soglia per gli affidamenti senza gara (un milione). Arriva un limite alla possibilità di iscrivere 'riserve’; viene introdotto un tetto di spesa per le 'varianti’ e un tetto di spesa per le opere cosiddette 'compensative’.
Carta identità - Cambia il procedimento di rilascio dei documenti di identificazione dei cittadini prevedendo, tra l'altro, l'unificazione, anche progressiva, della carta di identità elettronica (Cie) con la tessera sanitaria.
Sistri - Partirà non prima del giugno 2012 (per chi ha meno di 10 dipendenti) il sistema per la tracciabilità dei rifiuti.